Appuntamento il 14 ottobre nelle piazze italiane per imparare a difenderci dal rischio di terremoto, maremoto e alluvione 

Torna Io non rischio, la campagna che vuole sensibilizzare i cittadini sui rischi naturali del nostro Paese e su come sia doveroso prevenirli. Giunta alla settima edizione, l’iniziativa si svolge nella giornata del 14 ottobre in tutti i 107 capoluoghi di provincia e riunisce tutte le organizzazioni di volontariato di protezione civile locale. Una giornata di incontro e di discussione che vuole accendere i riflettori sulla fragilità del nostro territorio e sulle scelte che ogni cittadino può fare per ridurre i rischi ad essa collegata.

Tra gli eventi dedicati al tema: passeggiate urbane, appuntamenti sportivi, caccie al tesoro, incontri di informazione che avranno come unico obiettivo quello di diffondere buone pratiche di protezione civile.

La conoscenza del problema, la consapevolezza delle possibili conseguenze e l’adozione di alcuni semplici accorgimenti sono parte integrante della soluzione del problema stesso. È per questo che il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane da anni ha deciso di sostenere la campagna.

La campagna, realizzata in collaborazione con Regioni e Comuni, è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche AssistenzeIngv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis -Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. Inoltre, l’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione nell’iniziativa ha visto il coinvolgimento di Ispra -Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo -Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-RomagnaAutorità di Bacino del fiume ArnoCamiLab -Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi - Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.