FS Italiane è Best Employer of choice 2018

  • Il Gruppo conquista per il quarto anno consecutivo il primo posto nella classifica delle aziende più ambite dai giovani neolaureati 
  • al secondo posto Google, Mondadori al terzo  
  • nel 2018 oltre 5.000 nuove assunzioni nel Gruppo in Italia e all’Estero
  • in crescita le candidature femminili per ruoli tecnici 

Roma, 8 febbraio 2018

Per il quarto anno consecutivo, il Gruppo FS Italiane è al primo posto nella classifica delle aziende più ambite dai giovani laureati.

Best Employer of Choice 2018, survey di Cesop HR Consulting Company, ha infatti riconfermato a FS Italiane il gradino più alto del podio nel ranking delle realtà industriali e produttive preferite come luogo di lavoro, riconoscimento già assegnato a FS Italiane nel 2017, nel 2016 e nel 2015. La ricerca prende in esame un campione statisticamente rappresentativo della popolazione nazionale (per sesso, area geografica e tipologia di laurea) di 2.500 giovani neolaureati, che hanno valutato un panel di 100 aziende nazionali e multinazionali.

Innovazione, solidità e vision, insieme a know-how riconosciuto a livello internazionale ed eccellenza tecnologica: questi gli elementi che hanno portato FS Italiane, anche quest’anno, a superare importanti aziende nazionali e internazionali da sempre molto apprezzate dai giovani come ad esempio Google, classificatasi al secondo posto. Partendo dalla 15a posizione nel 2009, FS Italiane si è classificata 13a nel 2010, 8a nel 2011, 3a nel 2012, 2a nel 2013, 3a nel 2014, fino al raggiungimento del “vertice” della classifica negli ultimi 4 anni (2018-2017-2016-2015).

 “Il premio Best Employer of Choice ci riempie di orgoglio. Essere, l’azienda dei sogni dei giovani neolaureati italiani, per il quarto anno consecutivo, è un onore e una grande responsabilità, sottolinea Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di FS Italiane. “Siamo una solida realtà industriale, con indicatori economici tra i migliori d’Europa e, per continuare a crescere, abbiamo bisogno di giovani capaci di generare valore e innovazione fondamentali per raggiungere gli ambiziosi obiettivi del Piano industriale 2017-2026, con il quale puntiamo a diventare un importante player europeo di mobilità collettiva integrata”

 “Questo risultato - ha dichiarato Mauro Ghilardi, Direttore Centrale Risorse umane e Organizzazione FS Italiane – è frutto del grande impegno del Gruppo nel promuovere un dialogo continuo e diretto con laureati di tutta Italia: ne incontriamo 8.000 ogni anno, in occasione di Job Meeting e Career Day, su tutto il territorio nazionale. Ci rivolgiamo ai giovani utilizzando strumenti, canali e linguaggi a loro vicini e coinvolgendoli in progetti innovativi e sfidanti per orientarli verso i percorsi professionali più vicini alle loro attitudini. Nel 2017, abbiamo inserito in azienda oltre 250 neolaureati e prevediamo nel 2018 di assumerne oltre 500. Anche le candidature femminili sono in aumento grazie a iniziative concrete di cui il Gruppo si è fatto attivo promotore in Italia e a livello Europeo, come ad esempio Women in Motion (WIM) e Girls in Motion”.

Il Gruppo FS Italiane è in prima linea nello sviluppo di opportunità per i giovani neolaureati e ha avviato iniziative mirate, nell’ambito del network con università e scuole di primaria importanza, per accorciare le distanze tra università e azienda, creare innovazione, orientare i ragazzi sin dalle scuole con mentoring e testimonianze e individuare così i migliori talenti: Employer Branding attraverso web e social, incontri con i giovani laureati ai Job Meeting, Career e Recruiting Day, iniziative di orientamento al lavoro in collaborazione con Università e Scuole di eccellenza, proposte di master, tesi di laurea, stage, workshop, seminari, premi e concorsi di idee, inserimento in azienda di numerosi laureati secondo criteri di merito e trasparenza, progetti di formazione ad hoc.

Pochi mesi fa FS Competition, il Recruiting Day del Gruppo, ha permesso di selezionare e inserire in azienda, in modo rapido e innovativo, 28 laureati (43% donne) in economia e ingegneria provenienti da diversi atenei italiani.

CONDIVIDI:
Condividi su Google Plus