Il Gruppo FS Italiane avvia la fase sperimentale di Smart Working

Firmato oggi l’accordo con le organizzazioni sindacali


Roma, 2 maggio 2017


Lo Smart Working è una gestione aziendale flessibile delle prestazioni lavorative che consentirà ad alcune categorie di dipendenti di scegliere, in determinati giorni della settimana e secondo modalità specifiche, orario e luogo di lavoro, concordandolo direttamente con il proprio responsabile.

“Con questo accordo anche FS Italiane introduce nuove modalità lavorative che la avvicinano ad altre aziende leader che già lo fanno”, ha sottolineato Mauro Ghilardi, Direttore Centrale Risorse Umane e Organizzazione di FS Italiane.

“Questa sperimentazione ci consente di calibrare l'estensione dello Smart Working sulla nostra realtà aziendale e trovare formule innovative anche sul versante tecnologico e organizzativo, per aumentare flessibilità e compatibilità con esigenze personali e risultati”.

Il progetto coinvolgerà, su base volontaria, 500 dipendenti nella fase sperimentale. L’obiettivo del Gruppo FS Italiane è di estenderlo e farlo diventare una modalità di lavoro permanente. I dipendenti potranno iniziare a lavorare dal luogo da loro scelto da un minimo di 4 fino a un massimo di 8 giornate al mese non frazionabili.

Lo Smart Working servirà a focalizzare i dipendenti sugli obiettivi nella convinzione che la responsabilizzazione delle risorse umane sui risultati sia una delle chiavi del successo aziendale, nel quadro di un rapporto fra collaboratore e responsabile basato su fiducia reciproca e dialogo trasparente.

Per questi motivi il Gruppo FS Italiane ha avviato il progetto pilota, con l’intenzione di valorizzare al meglio le persone favorendo l’integrazione dei tempi di vita con quelli di lavoro.

Infatti, per ognuno dei partecipanti verranno definiti obiettivi puntuali e misurabili e l’azienda fornirà tutti gli strumenti informatici necessari per lo svolgimento dell’attività lavorativa oltre a una specifica formazione.

Ferrovie dello Stato Italiane