Politica ambientale

Foto: pale eoliche

Il Gruppo FS Italiane è da sempre impegnato nel migliorare le proprie performance ambientali. “L’obiettivo è quello di contribuire a ridurre l’impronta ecologica delle attività industriali, produttive e dei servizi, individuando le migliori e più innovative soluzioni per rendere sempre più efficienti ed efficaci i processi aziendali”. Parola di Gioia Ghezzi, presidente di FS Italiane.

Puntando sui cinque pilastri strategici del Piano 2017-2026 presentato dall’AD Renato Mazzoncini (infrastrutture, mobilità e logistica integrate, approccio digitale e sviluppo internazionale), il Gruppo FS intende farsi promotore della realizzazione di un nuovo sistema di mobilità che favorisca l'integrazione tra le diverse modalità di trasporto, collettive, condivise e individuali, in un’ottica di sostenibilità sociale, economica e ambientale.

Si parte con il fiore all’occhiello di Trenitalia: il Frecciarossa 1000. Primo treno Alta Velocità al mondo ad avere ottenuto la certificazione di impatto ambientale (EPD), perché riesce a contenere in 28 grammi l’emissione di CO2 a passeggero chilometro. Il progetto è stato realizzato per ridurre al minimo il consumo di energia, fino al 30% in meno rispetto al precedente modello, l'ETR 500.

Il rinnovo della flotta, realizzato anche a livello di trasporto locale, ha permesso di ottenere interessanti riduzioni dei consumi per unità di traffico trasportata: circa il 6% in meno sia di kJ/pkm (kilo Joule per passeggero km) sia di kJ/tkm (kilo Joule per tonnellata km) tra il 2009 e il 2015.

Spostarsi su rotaia si conferma la soluzione più green: si produce circa il 76% in meno di CO2 rispetto allo stesso viaggio fatto in aereo e circa il 60% in meno rispetto all'automobile.

L’impegno del Gruppo non si ferma sui binari. Molti i servizi di mobilità dall’animo green realizzati in partnership da Trenitalia: car e scooter sharing con Enjoy a Milano, Roma, Firenze, Torino e Catania, bike sharing con Clear Channel e Bicincittà in decine di città italiane. Nelle stazioni di Roma, Milano e Bologna è inoltre possibile noleggiare vetture elettriche grazie al servizio EcoRent di Maggiore. Il Gruppo sostiene inoltre, i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), lanciati il 25 settembre 2015 dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, al fine di promuovere un agenda comune per lo sviluppo da qui al 2030.

La Politica ambientale guida tutti i settori e le attività in cui opera l'azienda: la progettazione, realizzazione e manutenzione delle opere e dei mezzi, la gestione dell’infrastruttura, la circolazione dei treni passeggeri e merci, il trasporto pubblico su gomma, la navigazione, la gestione delle stazioni, dei parcheggi, del patrimonio ferroviario e i relativi servizi di supporto.

Nella gestione delle attività in termini di sicurezzapuntualità e comfort, il Gruppo FS si impegna a:

  • migliorare l’efficienza energetica e promuovere l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili;
  • ridurre le emissioni di gas serra;
  • promuovere progetti innovativi e sostenibili nel rispetto del territorio e della biodiversità;
  • ridurre gli impatti sull’ambiente quali: le emissioni acustiche, le emissioni elettromagnetiche e in atmosfera nonché l’inquinamento del suolo, del sottosuolo, delle acque superficiali e sotterranee;
  • migliorare le prestazioni ambientali anche attraverso il mantenimento dei Sistemi di Gestione Ambientale societari e l’estensione del loro campo di applicazione;
  • contribuire ad aumentare la consapevolezza ambientale dei principali stakeholder: clienti personale, fornitori, concorrenti;
  • rispettare le normative, le prescrizioni e i regolamenti a livello comunitario, nazionale regionale e, ove possibile, fare più di quanto richiesto;
  • impiegare in maniera razionale le risorse naturali.

La politica degli acquisti

Già da diversi anni, abbiamo avviato particolari iniziative volte a diffondere tra i dipendenti e tra i fornitori una politica degli acquisti supportata dai principi del Green Procurement.

La gestione degli aspetti ambientali e l’introduzione dei criteri di sostenibilità ambientale nelle procedure di acquisto sono alla base di un percorso che vede impegnate tutte le Società del Gruppo.

Inoltre, a partire dal 2013, le Società sono invitate a inserire nei nuovi contratti anche una clausola sul rispetto della Politica Ambientale di Gruppo.

Condividi:
Condividi su Linkedin