Centro di accoglienza “Pedro Arrupe”

Il problema dei rifugiati è sempre di drammatica attualità. I conflitti bellici, che colpiscono duramente gli strati già più poveri della popolazione mondiale, determinano esodi di massa. Ferrovie dello Stato Italiane vuole essere vicino ed aiutare chi si impegna a difendere, accogliere e garantire i diritti di queste persone.


Dal 2001, all’interno di un ex ferrotel, un albergo per ferrovieri non più utilizzato, concesso in comodato d’uso gratuito da FS Italiane, la Fondazione Centro Astalli, che opera dal 1981, si occupa di offrire accoglienza e assistenza a famiglie con bambini giunte in Italia per richiedere asilo. 

Negli anni il Centro, intitolato al fondatore del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati Padre Pedro Arrupe, ha ampliato e diversificato la propria offerta ed oggi offre servizi di prima accoglienza (per chi è arrivato da poco in Italia), servizi di seconda accoglienza (per facilitare l’accesso al mondo del lavoro e accompagnare le persone nel loro percorso di inserimento nella società italiana) e attività culturali. 

Il centro è un modello d’accoglienza nuovo ed originale dove si organizzano attività di formazione professionale, progetti educativi per minori, corsi di lingua italiana

L’obiettivo del Centro è quello di accompagnare ciascuno degli ospiti verso un inserimento socio-lavorativo appropriato che dia la possibilità a queste persone di iniziare una nuova vita. 

Il progetto ha l’apporto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, dell’ANCI, del Ministero dell’Interno e del Comune di Roma.

Condividi:
Condividi su Google Plus
Ferrovie dello Stato Italiane