L’attenzione al Pianeta passa anche per una mobilità sostenibile e a misura d’uomo: sono sempre di più le persone che scelgono un mezzo condiviso e a minore impatto inquinante per gli spostamenti di lavoro e di piacere, con il treno e la bicicletta diventano protagonisti ogni giorno.

Il Gruppo FS Italiane è da anni in prima linea per dare impulso a un turismo green, dolce e integrato che faccia dell’integrazione fra treno e due ruote un volano per la riscoperta dei territori e delle ricchezze paesaggistiche, storico-culturali ed enogastronomiche del nostro Paese. Incrementando i servizi in linea con il cicloturismo, chi usa il treno per gli spostamenti più lunghi può ricorrere anche alle biciclette, ai monopattini elettrici e ad altri mezzi ecologici per il primo e l’ultimo miglio da e per casa propria e le stazioni.

Tanti percorsi ciclabili raggiungibili in treno sono oggetto dell’ultimo Travel Book di Trenitalia, che racchiude 20 itinerari arricchiti da foto, cartine e itinerari per ogni livello di difficoltà, notizie utili, informazioni turistiche, segnalazione di attrazioni storiche e artistiche e principali curiosità sui prodotti tipici. Ogni ciclovia è introdotta da una breve descrizione e da una scheda di approfondimento con l’indicazione delle stazioni ferroviarie di riferimento.

Un esempio di viaggio green è quello dedicato al Friuli Venezia Giulia, fra Trieste e Tarvisio, passando per la meravigliosa Aquileia: due nuove carrozze appositamente attrezzate per il trasporto di 128 bici circolano tutti i sabati e le domeniche su cinque collegamenti regionali.

Questa piccola enciclopedia delle bellezze del nostro Paese rappresenta un’opportunità per i viaggiatori per stabilire un contatto diretto con la natura, la storia e la cultura grazie all’integrazione fra treno e bici.