FS Italiane: collocata emissione obbligazionaria per 1 miliardo di euro a 8 anni

Le informazioni contenute nel presente comunicato non sono destinate alla pubblicazione o alla distribuzione, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America, Canada, Giappone o Australia

Roma, 22 Giugno 2017

Ampio successo per l’emissione obbligazionaria lanciata oggi da parte di Ferrovie dello Stato Italiane (rating: S&P’s: BBB-; Fitch: BBB, entrambi outlook stabile).

Rispetto all’ipotesi iniziale di una raccolta benchmark size, grazie alla forte domanda pari a quasi 2 miliardi di euro, FS ha collocato obbligazioni per l’ammontare massimo di 1 miliardo di euro, scadenza a 8 anni e cedola pari a 1.5%.

Lo spread finale è stato fissato a 105 punti base sopra il tasso mid-swap di riferimento - 15 punti base in meno della guidance iniziale - equivalente a 0.5 punti base sotto al BTP di medesima durata.

L’emissione è stata curata, in qualità di joint bookrunners da un pool di banche composto   da Barclays, BNP Paribas, Credit Agricole CIB, Deutsche Bank, Goldman Sachs International, JP Morgan e UniCredit.

L’emissione, a valere sul programma EMTN aggiornato lo scorso 13 Giugno, si inquadra nell’ambito dei complessivi 2,1 miliardi di euro deliberati lo scorso 21 Aprile dal CdA di FS per i fabbisogni del 2017.

I proventi raccolti finanzieranno l’acquisto di materiale rotabile per il trasporto regionale e per la media e lunga percorrenza di Trenitalia e per l’infrastruttura AV/AC di Rete Ferroviaria Italiana (RFI).

“La settimana scorsa sono stato in roadshow nelle principali piazze europee con la squadra di Finanza e Strategie, oggi la conferma che il messaggio della credibilità industriale di FS e del suo nuovo Piano d’impresa è passato forte e chiaro - dichiara l’AD di FS Renato Mazzoncini. La scelta di ricorrere maggiormente alle emissioni obbligazionarie, oggi e nel futuro, è stata premiata da una percezione più che positiva da parte del mercato dei capitali del profilo di credito e della crescita di FS Italiane. L’elevata domanda da parte degli investitori, con il 52% degli ordini dall’estero, testimonia inoltre l’evidente fiducia nella trasformazione in corso che vede il Gruppo FS evolversi da azienda ferroviaria italiana ad azienda internazionale di mobilità.”

***

Disclaimer

Il presente comunicato non costituisce un’offerta di vendita o una sollecitazione all’acquisto o alla sottoscrizione di strumenti finanziari.

Le informazioni contenute nel presente comunicato non sono destinate alla distribuzione, diretta o indiretta, negli Stati Uniti d’America (inclusi i relativi territori e dipendenze di ciascuno degli Stati Uniti d’America o District of Columbia) e non devono essere distribuite a U.S. persons (come definite nel Regulation S dello U.S. Securities Act del 1933, come modificato (“Securities Act”)) o alla pubblicazione con una diffusione generale negli Stati Uniti d’America. Gli strumenti finanziari non sono stati e non saranno registrati ai sensi del Securities Act e non potranno essere offerti o venduti negli Stati Uniti d’America in assenza di tale registrazione o di un’esenzione dalla registrazione ai sensi del Securities Act, come modificato. Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A. non intende registrare alcuna parte dell’offerta negli Stati Uniti d’America o porre in essere offerte pubbliche di tali strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America.

Il presente comunicato non costituisce un’offerta per la vendita di strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America, Italia, Regno Unito, Canada, Giappone, Australia o in ogni altra giurisdizione.

Condividi:
Condividi su Linkedin