Cooperazione fra FS Italiane e le Ferrovie ungheresi e russe

Per lo sviluppo del traffico merci lungo il Corridoio Mediterraneo e la Via della Seta

Lo scorso 18 giugno nella sede delle Ferrovie ungheresi (MAV) di Budapest si è tenuto un incontro trilaterale tra delegati del Gruppo FS Italiane (FS International, Italferr e Mercitalia Rail), promotore dell’iniziativa, le MAV, con il Presidente e CEO Róbert Homolya, le Ferrovie Russe (RZD), con il Rappresentante Generale delle Ferrovie Russe in Ungheria Victor Belyakov, e RZD Logistics, con il Direttore Spedizioni internazionali Alan Kalukhov.

In linea con lo sviluppo del Corridoio Mediterraneo TEN-T e della Via della Seta, è emersa la volontà delle parti di realizzare un nuovo corridoio merci dall’Italia alla Russia che attraversi la Slovenia, l’Ungheria e l’Ucraina. Punto strategico di riferimento sarà il centro logistico di Zahony (stazione di cambio di scartamento), di proprietà di MAV e ultimo avamposto all’estremo Nord-Est dell’Ungheria al confine con l’Ucraina.

Come indicato dal Presidente Homolya, tra le priorità del governo ungherese vi è l’esame delle opportunità di cooperazione nel trasporto ferroviario merci e della logistica, finalizzato all’incremento dell’efficienza infrastrutturale della rete e dei centri logistici del Paese.

Nel corso dell’incontro, Mercitalia Rail ha confermato il forte interesse per il progetto di sviluppo del traffico (logistica, trasporto convenzionale e trasporto combinato) lungo la direttrice Italia - Ungheria - Russia per giungere fino alla Cina. 

Anche da parte russa l’iniziativa è stata accolta favorevolmente, ribadendo il proposito di sviluppare il nuovo corridoio in linea con quanto già emerso nell’ambito dell’incontro del Gruppo di lavoro Trasporti G2G Russia - Italia, svoltosi il 10 aprile scorso a Roma.