Impiego di materie prime

Utilizziamo grandi quantità di materiali sia nella costruzione e gestione della rete ferroviaria, sia nel trasporto.

Proprio per questo, intendiamo ridurre sempre più l’impatto ambientale legato all’impiego di materie prime nelle proprie attività, ponendo la massima attenzione alla manutenzione delle opere infrastrutturali (gallerie, rilevati, ponti, viadotti, stazioni, impianti tecnologici, impianti di manutenzione dei rotabili, eccetera) e alla manutenzione ordinaria e straordinaria dei treni.

I materiali riportati sotto sono impiegati annualmente in quantità diverse in base alle attività di costruzione e manutenzione delle linee ferroviarie.

Acciaio: è impiegato principalmente nella costruzione delle rotaie (armamento) e della struttura per l’alimentazione elettrica dei treni (tecnologie).

Pietrisco: è impiegato nella costruzione della massicciata ferroviaria (ballast).

Traversine in cemento armato precompresso: le traverse in CAP sono ormai utilizzate in sostituzione delle traverse in legno anche in relazione alla loro maggiore durabilità e all'assenza di sostanze pericolose per l’ambiente, contrariamente alle traverse in legno impregnate di creosoto per la protezione dagli agenti atmosferici e biologici.

Terre e rocce di scavo: al fine di ridurre l’impatto ambientale delle attività di costruzione delle nuove linee ferroviarie viene prestata grande attenzione alla possibilità di reimpiego delle terre e rocce di scavo provenienti dai lavori di scavo e sbancamento, nella costruzione di rilevati ferroviari. 

Il riutilizzo delle terre consente di limitare l’impatto ambientale dovuto allo smaltimento delle terre da scavo e di evitare lo sfruttamento di cave con i conseguenti impatti negativi in termini paesaggistici, di consumi energetici e di emissioni inquinanti in atmosfera.

 

 

Condividi:
Condividi su Google Plus
Ferrovie dello Stato Italiane