Treno Verde 2012

Giunto alla 23esima edizione, il Treno Verde , la storica campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane,  anche quest’anno ha testato il polso alle nostre città per sottolineare quanto il trasporto su gomma sia ormai insostenibile e l'urgenza di passare a quello su rotaia.

Dal 6 marzo al 7 aprile 2012, il convoglio ambientalista ha portato in giro lungo la penisola le buone pratiche e gli esempi virtuosi, coinvolgendo i più piccoli con esperimenti semplici e divertenti e invitando le amministrazioni a parlare dei problemi e trovare soluzioni, attraverso lo scambio delle best practices.

L'edizione 2012

L’edizione del 2012 ha fatto tappa nelle principali città italiane, monitorando per ciascuna l'inquinamento acustico ed atmosferico con l’obiettivo di evidenziare l’insostenibilità del trasporto privato e la necessità di spostare la mobilità su mezzi pubblici. La campagna ha dimostrato come sia indispensabile intervenire sulle principali fonti di inquinamento, individuare un obiettivo nazionale di riduzione delle emissioni, promuovere le energie pulite, l’efficienza e il risparmio energetico, e contrastare il consumo di suolo e gli sprechi.

 

Il monitoraggio scientifico avvenuto per le città coinvolte dalla campagna, è stato possibile grazie al laboratorio dell’Istituto Sperimentale di RFI: un’indagine che ha messo a nudo il problema principale di gran parte delle città italiane, l’insostenibilità del trasporto privato su gomma e la necessità di spostare la mobilità su mezzi pubblici e su rotaie.

Per l’edizione 2012, il Treno Verde ha rappresentato la città ideale del futuro, partendo dalla scelta dei mezzi di trasporto per muoversi verso e all’interno dei centri urbani, con particolare riguardo alla “cura del ferro” (prima carrozza), le caratteristiche di un quartiere/città sostenibile, toccandone da vicino i temi portanti: energie rinnovabili, rifiuti, edilizia (seconda carrozza) e, infine, gli stili di vita e le semplici tecnologie salva-ambiente e portafogli da adottare a casa ma anche fuori (terza carrozza).

Carta d’identità

50 giorni di viaggio, 10 tappe lungo l’Italia, 40 giorni di monitoraggio scientifico degli inquinanti atmosferici e di screening ambientale delle città, più di 20.000 visitatori e 10.000 alunni coinvolti, decine di workshop e convegni.

Condividi:
Condividi su Google Plus
Ferrovie dello Stato Italiane