Curiosità sul Frecciarossa 1000

Il Frecciarossa 1000 è dedicato a Mennea per ricordare e rendere onore a questo grande campione italiano. Uomo del Sud, ma simbolo positivo di tutto il Paese. Circolerà comunque anche al Sud, fino a Napoli e Salerno, laddove ne esistono oggi le premesse tecnologiche, ossia una linea AV. Per conoscere i progetti infrastrutturali per il Sud su cui FS Italiane è impegnata, in coerenza con i Contratti di Programma approvati in Parlamento, clicca qui.

Le scelte sullo sviluppo infrastrutturale del Paese sono state fatte, nel tempo, dal Parlamento. La programmazione dei servizi di Trenitalia viene effettuata sulla base dei flussi di traffico registrati. Ci sono direttrice e aree dove la domanda è sufficiente a sostenere un servizio “a mercato”, come quello AV, totalmente pagato dai viaggiatori con l’acquisto dei biglietti, senza alcun corrispettivo pubblico. Altre dove la domanda non è sufficiente, oppure il prezzo dei biglietti è volutamente tenuto basso perché ai servizi erogati il legislatore attribuisce una valenza sociale. In questo caso è il committente, Stato e Regione, a definire tutte le caratteristiche dei servizi. Clicca qui per conoscere i progetti infrastrutturali per il Sud che FS Italiane sta seguendo.

Alla partenza del servizio con il Frecciarossa 1000 (Giugno 2015) i tempi di percorrenza saranno gli stessi dell’attuale Frecciarossa. Il treno, con motori distribuiti su tutta la sua lunghezza, è comunque molto performante, in accelerazione, aderenza e frenatura. Tutto ciò consente di recuperare più facilmente eventuali scostamenti rispetto all’orario previsto. Quando sarà concluso l’iter di test e verifiche necessarie all’Autorizzazione alla Messa In Servizio (AMIS) a 350 km/h, rilasciata dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria, potranno essere raggiunte velocità superiori, riducendo quindi i tempi del 10-15% circa.

In ferrovia i sistemi di segnalamento servono a distanziare i treni tra loro, permettendo a ciascuno di mantenere la propria traccia oraria, attribuita in maniera che non vi siano conflitti di circolazione. Binari per far correre il 1000 fino a 350 km/h già esistono, sono quelli attuali. Il Frecciarossa 1000, grazie alle sue caratteristiche costruttive, a 350 km/h avrà lo stesso impatto sull’infrastruttura di un attuale treno che viaggia a 300 km/h. I test che saranno eseguiti serviranno ad averne piena conferma.

Il Frecciarossa 1000 è in grado di andare su tali linee a una velocità superiore rispetto a quella per cui sono state progettate in quanto grazie alle sue caratteristiche, le sollecitazioni indotte all’infrastruttura, anche a una velocità di 350 km/h, sono analoghe a quelle degli attuali treni Frecciarossa che viaggiano oggi a 300 km/h.

Ferrovie dello Stato Italiane