Iniziative sociali

Campagna di solidarietà Natale 2014

La campagna dedicata alla ristrutturazione e all'ampliamento del Centro Diurno Rifugio Caritas per le persone senza fissa dimora gestito da Caritas Ambrosiana situato nella stazione di Milano Centrale.

Campagna di solidarietà “Casa dolce Caritas”

L'iniziativa di solidarietà che la Caritas diocesana di Roma e le Ferrovie dello Stato Italiane hanno promosso a sostegno della ristrutturazione dell’Ostello “Don Luigi Di Liegro” alla Stazione Termini.

Campagna di solidarietà 2012

La raccolta fondi del Gruppo Ferrovie dello Stato volta a sostenere il progetto di ristrutturazione e ampliamento di cinque case famiglia gestite dalla Comunità di Sant’Egidio.

Progetto europeo “Work In Stations”

Progetto finanziato dalla Comunità Europea e promosso da Ferrovie dello Stato Italiane che prevede percorsi di formazione e inserimento nel mondo del lavoro per le persone senza dimora.

Campagna raccolta fondi 2011 “Questo è un letto, ma ancora per poco”

La campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi promossa dal Gruppo FS Italiane che ha permesso di realizzare nell’area della stazione di Milano Centrale il “Rifugio Caritas”.

Campagna raccolta fondi 2010 “Pietro non abita più qui”

La raccolta fondi per ristrutturare l’Ostello Caritas di Roma Termini, il più grande centro di accoglienza italiano per senza fissa dimora.

Progetto "Un cuore In Stazione"

Un grande progetto di solidarietà a sostegno delle persone senza fissa dimora che ha permesso la ristrutturazione, l'ampliamento e l’apertura di Help Center e centri di accoglienza.

Progetto europeo “Hope In Stations”

Progetto di sperimentazione europea nato dalla necessità di affrontare il problema del disagio sociale attraverso un approccio integrato tra Istituzioni, associazionismo e imprese ferroviarie.

Centro di accoglienza “Pedro Arrupe”

Centro di accoglienza per rifugiati politici nato nel 2001 all'interno di un ex ferrotel concesso in comodato d'uso gratuito dal Gruppo FS Italiane.

Il progetto ha l’apporto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, dell’ANCI, del Ministero dell’Interno e del Comune di Roma.